Benvenuti

Il Grand Hotel delle Terme, elegante quattro stelle, è situato all’interno del Parco secolare delle Terme di Riolo per offrire ai suoi Ospiti un’elegante oasi di relax e benessere.

Dimora storica dal 1870, sintesi di classe ed armonia, l’hotel ospita il ristorante “AquaVitae” curato dallo chef executive Ciro Adamo, il centro congressi Augusto Murri, una terrazza solarium accessoriata con vasca jacuzzi, un parco privato dedicato ad ospitare eventi.

lunedì 24°C
05:33 AM

ARRIVING

11

09

DEPARTING

11

09

GUESTS

1

Guests
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Prenotazioni telefoniche/Phone contacts +39 0546 71041

Camera Standard

Le Camere Classic, situate nel corpo centrale dell’hotel La nostra camera Base per un’accoglienza Classica. La camera è dotata di: TV digitale terrestre, frigobar, cassaforte, phon e aria condizionata.

Camera Prestige

Le Camere Prestige, situate nel corpo centrale dell’hotel Camera Superior arredata con stile e design per un’accoglienza moderna. La camera è dotata di: TV digitale terrestre, frigobar, cassaforte, phon e aria condizionata.

Camera Elite

Le Camere Elite, situate nella raffinata dependance, parte integrante del Centro di Metodologie Naturali Ampie e finemente arredate in stile veneziano, sono caratterizzate dai tenui colori pastello del rosa antico e del verde e dotate di ogni comfort.

aquavitae
chef

Il Ristorante Aquavitae

Il Grand Hotel Terme accoglie il Ristorante “AquaVitae”, dotato di luminosi e ampi saloni ideali per ospitare i vostri eventi, salette più intime per tête a tête e colazioni di lavoro e la terrazza esterna per godere del rigenerante verde del parco. La brigata dello chef executive Ciro Adamo interpreta l’autentica passione romagnola, declinando con fantasia menù ispirati alla tradizione e alle erbe officinali.

La sinergia tra equipe di medici termali e brigata di cucina permette di proporre percorsi nutrizionali personalizzati, con particolare attenzione alla selezione di piatti light, gluten free, vegetariani e vegani, che considerano gruppo sanguigno, eventuali intolleranze, specifiche patologie proponendo piatti antiossidanti e vincenti, per rendere felice ogni parte di te, a partire dagli occhi.

Il Ristorante promuove tutto l’anno eventi particolari dedicati ai sapori territoriali e a originali connubi di gusto, che si ispirano ai tradizionali prodotti territoriali: il saporito scalogno di Romagna IGP, la gustosa mora romagnola, i nobili oli extra vergine DOP di Brisighella, il carciofo moretto, il marrone IGP di Castel del Rio, le pesche nettarine di Romagna.

Su richiesta e in occasione di eventi speciali, la brigata di cucina propone corsi per adulti e bambini dedicati alla tradizione gastronomica romagnola e alla pasticceria.

Le Terme di Riolo

Percorrendo la valle del fiume Senio, si rimane affascinati dalla dolcezza dei colli e dall’armonia del paesaggio. Nel corso dei secoli sembra che l’opera dell’uomo abbia voluto preservare in questi luoghi l’incanto della natura quasi a valorizzare e proteggere con cura il tesoro nascosto nel terreno. Passeggiando nella verde campagna si possono incontrare limpide sorgenti dai cui sgorgano le acque minerali. Nel folto dei boschi l’argilla finissima fuoriesce spontaneamente da secoli da piccole conche naturali, i “vulcanetti” di Riolo.

Durante il Rinascimento l’accorrere delle genti richiamò l’attenzione degli uomini di scienza che ricercavano la fonte del benessere nei benefici influssi della natura sull’organismo umano. Risalgono a quel periodo di vitalità scientifica e di grandi scoperte i primi studi dedicati alle acque delle Terme di Riolo.

La notorietà delle proprietà curative delle acque e dei fanghi si diffuse in tutta Europa e ospiti illustri soggiornarono a Riolo tra i quali Lord Byron, Gioacchino Murat e i principi Bonaparte, Pellegrino Artusi, Carducci. Durante il XIX secolo l’afflusso sempre crescente di ospiti suggerì la creazione di un centro termale di grande valore in una posizione particolarmente pregevole.

Nacquero così nel 1870 gli eleganti stabilimenti delle Terme di Riolo. Infatti Il 10 luglio 1870 il Consiglio Comunale approvò il progetto dell’ing. Antonio Zannoni per la costruzione dello Stabilimento Termale. Solo il 24 Luglio 1877 si aprirono, ufficialmente, i cancelli.

logo_tdrjpg

72823429

Offerte